Blog

Cos’è l’E-Liquid al CBD? Come usarlo

Negli ultimi tempi, la tendenza di utilizzare dispositivi per lo “svapo” e sigarette elettroniche ha preso campo nella società. Come moda per i più giovani o come metodo per abbandonare la famigerata sigaretta tra i non più giovani, questa nuova tecnologia ci consente di allontanare gli effetti dannosi del fumo. Seppure sia ancora uno strumento controverso per gli effetti a lungo termine sulla salute, è innegabile notare che non ci esponga più alle sostanze tossiche della combustione.

Cos’è il CBD?

Per chi ancora non lo sapesse, il CBD, o propriamente detto Cannabidiolo, è uno dei principi attivi della Cannabis Sativa. Si contrappone al suo omologo THC per non avere proprietà psicoattive. Non crea quindi sballo e questo ne consente l’uso anche a coloro i quali non vogliono avere effetti sulle proprie percezioni ma solamente godere dei benefici che questa sostanza apporta alla salute. E’ stato dimostrato di avere proprietà benefiche per il nostro organismo in quanto ansiolitico, antinfiammatorio e antidepressivo e sta pian piano conquistando il mercato per il suo grande valore terapeutico.

Non si propone come miracolo della natura piuttosto come regolatore: in pratica, quando si verifica uno scompenso nel nostro organismo, il CBD va a riequilibrare quel sistema, come nel sistema immunitario o nervoso.

CBD e E-Vaping

Fin dai tempi più antichi, la vaporizzazione era considerata il metodo migliore per assumere erbe medicinali. A seguito dell’avvento delle prime sigarette elettroniche, si è ritenuto che l’inalazione di Cannabidiolo fosse il metodo più efficace per assorbirne il principio attivo: passando dai polmoni riesce ad entrare in circolo nel sistema sanguigno in maniera diretta e molto più immediata ed in dosi inferiori rispetto ad altri sistemi.

E-Liquid al CBD

I liquidi per sigarette elettroniche sono dei composti che possiamo trovare in una moltitudine di aromi e fragranze differenti, alcuni contengono persino nicotina, così da mantenere la gestualità del fumo e persino soddisfare la dipendenza dalla sigaretta.

Nel caso del liquido al CBD, questo non contiene alcuna traccia di nicotina ed è la soluzione definitiva per chi vuole contrastare ansia, insonnia e stati dolorosi cronici o post traumatici.

L’assunzione di CBD permette di alleviare i dolori mestruali e di attenuare i sintomi della sindrome premestruale, dando sollievo ai dolori alla schiena o regolando le alterazioni dell’umore. Perfino l’emicrania, sebbene sia una condizione molto complessa, con una varietà di fattori diversi che possono causarla, può essere contrastata con il CBD.

L’E-Liquid è anche detto Vape oil e non va confuso con l’olio di CBD: quest’ultimo infatti non può essere utilizzato come liquido per la sigaretta elettronica in quanto si tratta della sostanza pura disciolta in olio di oliva o di cocco, concepito unicamente per essere ingerito. Inoltre la sua consistenza densa, sottoposta alle alte temperature generate dalla sigaretta elettronica, potrebbe causare la formazione di sostanze tossiche. Mentre, il Vape Oil è una sostanza viscosa, dall’aspetto trasparente, limpido e uniforme.

Se il prodotto che vi state accingendo ad acquistare non rispetta queste caratteristiche, se il liquido si presenta separato, con residui e di colore scuro, diffidate dalla sua qualità: potrebbe essere composto da agenti di sintesi che poco somigliano al CBD, inibendone gli effetti e rendendo poco piacevole la “svapata”. Anche la qualità della sigaretta elettronica stessa non è da sottovalutare: quelle low cost, realizzate con materiali scadenti, che contengono nichel, possono rilasciare metalli pesanti, nocivi per il nostro organismo.

Prestiamo quindi un occhio di riguardo alla qualità.

Dove acquistare

Oggi basta una piccola ricerca su internet perchè si apra una vastità di prodotti, marchi e varietà infinita rispetto agli E-Liquid. Anche se ormai, grazie al riconoscimento legale della cannabis terapeutica, nelle nostre città possiamo trovare Vape Shop e Grow Shop dove poter scegliere ed acquistare il liquido che fa al nostro caso.

Cosa scegliere

Molti sono i punti da tenere in considerazione. Va prestata molta attenzione alla qualità di ciò che introduciamo nel nostro organismo: il liquido a base di CBD deve essere certificato e contenere una precisa lista di ingredienti a garanzia di un prodotto che proviene da una filiera controllata. Fate sempre affidamento ad aziende che possano fornirvi le analisi di laboratorio effettuate sui propri prodotti.

Inoltre, tra le scelte da vagliare, va tenuta in considerazione la concentrazione del principio attivo e la scelta deve ricadere unicamente sulla soggettività: la frequenza, l’assiduità, e soprattutto, le motivazioni che ci hanno condotto all’uso.

Un’alternativa ai liquidi a base di cannabidiolo sono i Cristalli: questi non sono altro che il principio attivo puro del Cannabidiolo. Il vantaggio, infatti, di adoperare i cristalli è la possibilità di svapare con certezza la dose di CBD prestabilita, oltre ad entrare in circolo molto più rapidamente del liquido.

Effetti collaterali

Nel 2018, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha decretato che il Cannabidiolo non presenta rilevanti rischi per la salute personale e pubblica, non genera dipendenza e può essere adoperato in vari campi della medicina.

Gli effetti collaterali rilevati sono eventuale secchezza delle fauci e sonnolenza. Per cui, è bene che i fruitori del CBD, consci dei pochi, ma comunque presenti, effetti collaterali, consumino questa sostanza responsabilmente.

Il consiglio che si può offrire a chi si appresta a svapare CBD per la prima volta è scegliere una concentrazione bassa, per aumentarla eventualmente in seguito, regolandosi con gli effetti ottenuti, soprattutto per chi sceglie di assumere Cannabidiolo per motivi di salute e non solo per allontanarsi dalla sigaretta.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *