Blog

Cos’è il CBD? Cannabidiolo – Tutto quello che devi sapere

Il Cannabidiolo, o CBD, è un derivato della Cannabis destinato a rivoluzionare la medicina moderna. Questa è una piccola guida introduttiva per conoscere le potenzialità di questo prodotto.

Storia del CBD

La comunità scientifica ha iniziato a mostrare un interesse sempre più approfondito sul Cannabidiolo grazie al suo potenziale terapeutico. Studi clinici sempre più numerosi indagano sulle proprietà benefiche e sulle possibili applicazioni mediche.

La Cannabis Sativa, pianta conosciuta all’uomo ormai da millenni grazie alla sua utilità in campo tessile, edile, nella fabbricazione della carta e come pianta medicinale, fino al Proibizionismo, è composta da centinaia di cannabinoidi, tra i quali il Cannabidiolo e il Tetraidrocannabinolo, presenti nella maggiore concentrazione.

L’effetto Entourage

Il CBD e il THC sono due sostanze chimiche naturali con proprietà molto particolari, di struttura molecolare simile e dal comportamento opposto. Infatti entrambe agiscono sul nostro organismo in maniera complementare.

Ad esempio, il THC è l’elemento psicoattivo, infatti il suo effetto, alterando la nostra mente, è paragonabile ad una psicosi, provocando ansia, tachicardia, stati di panico. Ma, grazie alla sua capacità di legarsi a dei recettori del nostro cervello detti CB1, provoca anche euforia, rilassamento, e stimola effetti benefici tra i quali antiemetici, analgesici, antiossidanti, antiinfiammatoria,oltre a stimolare l’appetito. Il CBD, invece, è un cannabinoide che non agisce sulla nostra mente, non è dunque psicoattivo, anzi agisce in modo diametralmente opposto: si lega ai recettori CB2 del sistema immunitario e del sistema nervoso centrale, svolgendo azione antispasmodica, neuroprotettiva, antipsicotica e immunomodulatrice sul nostro organismo, allevia lo stress quotidiano e a rafforza il sistema nervoso.

In altre parole, le due sostanze equilibrano i loro effetti interagendo tra loro, dando vita dunque all’effetto Entourage.

I benefici del CBD

Al contrario del THC, non producendo effetti psicotropi, il CBD è legale nella maggior parte dei paesi del mondo. Inoltre, come già detto, la medicina si sta interessando particolarmente al Cannabidiolo per gli effetti benefici che apporta alla nostra salute.  

Il cannabidiolo trova un importante impiego come antiepilettico e nel trattamento dei disturbi neurologici e dell’Alzheimer, non di meno è un valido alleato nella terapia del dolore e nella come cura parallela contro il cancro. Inoltre si sta facendo strada con prepotenza anche nel campo dell’integrazione e della bellezza.

  • Anticonvulsivante

Nei pazienti con forme di epilessia farmaco resistente, in particolare in quella infantile, dove quindi la medicina non riesce a progredire con la cura, è stato riscontrata una forte diminuzione degli episodi epilettici 

  • Antitumorale 

E’ ormai diventata una prassi regolamentare, l’impiego di prodotti a base di cannabinoidi parallelo alle cure antitumorali, anche per le proprietà antiemetiche.
Inoltre studi approfonditi hanno dimostrato che il CBD ha un valore molto importante nella cura del tumore al seno: esso infatti riesce a indurre le cellule tumorali alla morte, senza intaccare le cellule sane

  • Ansiolitico

Grazie alla sua azione rilassante e distensiva, aiuta a contrastare gli stati d’ansia, la tachicardia e per forme psicotiche quali disturbo post-traumatico o disturbo ossessivo-compulsivo.

  • Analgesico

E’ stato dimostrato come il Cannabidiolo sia un alleato fondamentale nel contrasto alle forme dolorose: dal dolore cronico causato da varie patologie ai dolori mestruali o emicrania, nevralgia. Grazie al suo effetto sedativo, riduce le infiammazioni, oltre a contrastare l’asma e il diabete.

  • Antiossidante

Grazie al suo potere antiossidante, combatte i radicali liberi. Ha dunque un forte potere antiage. Aiuta a contrastare problemi quali la psoriasi e l’acne.

Per questo motivo i prodotti a base di CBD stanno spopolando e fra tutti, il più scelto per modo di applicazione e versatilità è l’olio. Ad alta viscosità e veicolato in un olio organico (come quelli di cocco, di sesamo o ricino..), l’olio di Cannabidiolo può essere assunto come condimento alimentare o applicato come unguento a livello topico per alleviare infiammazioni e antidolorifico nei casi di condizioni dolorose croniche come l’artrite reumatoide L’olio di cannabidiolo viene impiegato dai grandi brand nelle linee di cosmetici come trattamento dell’acne, come antirughe e altre problematiche della pelle.

Modi d’uso del CBD

Il CBD lo possiamo trovare, nella sua forma più pura sotto forma di cristalli, che possono essere consumati, tramite la vaporizzazione e a livello sublinguale.

Infine, un’altra forma di consumo di CBD può essere tramite l’uso di E-Liquid per sigaretta elettronica: inalazione dei vapori infatti, oltre a consentire un effetto più rapido, è un valido alleato per chi sceglie di smettere di fumare le sigarette. Per di più, non avvenendo combustione, non ha danni per la salute polmonare.

Dove acquistarlo

L’olio di CBD è legale in Italia e nel resto d’Europa, per questo non è necessaria una prescrizione medica. Si può infatti acquistare in vari concentrazioni su internet o in uno dei numerosi negozi specializzati. Ciò che conta è prestare la massima attenzione alla qualità del prodotto: l’assenza di pesticidi e metalli pesanti, la concentrazione corretta, l’eventuale presenza di THC e che il prodotto sia stato estratto a freddo, come di norma, dai fiori della Cannabis Sativa.

Effetti collaterali

La continua ricerca nel campo scientifico su questo prodotto è dovuta anche grazie alla sua peculiarità di avere effetti collaterali irrilevanti, oltre ad una bassissima tossicità,, soprattutto se paragonati ai farmaci convenzionali. Ed inoltre, uno fra tutti, ha il vantaggio di essere una sostanza naturale, ben lontana dalle formule chimiche, ad esempio, dei farmaci chemioterapici.

Senza ombra di dubbio, l’uso di Cannabidiolo non deve e non può, almeno al momento, sostituire la medicina convenzionale. Anzi, può essere un ottimo coadiuvante nelle terapie. 

Ed oggi, dopo decenni di messa al bando, questo grandioso prodotto della Natura riesce ad ottenere il suo riscatto: il cannabidiolo sembra dunque essere il vero “Elisir di lunga vita”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *